Corsi professionali: come scegliere quello giusto?

Al giorno d’oggi sono molti i giovani che decidono di affacciarsi al mondo del lavoro scegliendo di frequentare un corso professionale. Il vantaggio di questi corsi è che, oltre ad insegnare un mestiere, ti permettono di iniziare a lavorare fin da subito.
Per eseguire molti lavori è sufficiente un attestato professionale e per questo motivo non è sempre richiesto un titolo universitario. Stiamo parlando soprattutto di ruoli che troveranno poi impiego nella ristorazione, come: sommelier, cuochi, fornai, pizzaioli, ecc.
Ma non mancano nemmeno i corsi rivolti a chi vuol diventare parrucchiera/e o estetista, sbocco relativo pertanto al benessere personale. Molto richiesti negli ultimi anni sono anche elettricisti e idraulici.
Ci sono poi corsi rivolti anche a chi vuol diventare segretaria/o di studi come nell’ambito medico, dentistico, legale o notarile.
E’ presente infine anche il campo assistenziale, questo corso è rivolto alla cura e assistenza della persona, disabile o anziana. Per queste cure oltre ad avere una buona preparazione, è richiesto avere amore e cura per le persone.

L’idea di frequentare un corso può venire anche alla conclusione della scuola secondaria di primo grado, ma anche dopo un diploma di scuola secondaria di secondo grado, per continuare in questo modo al posto degli studi universitari. Prima di tutto, oltre al titolo di studio bisogna capire ciò che si vuole raggiungere in campo professionale.
Ci sono due generi di formazione: quella che si rivolge a chi sta iniziando a lavorare e quella rivolta a chi ha già un lavoro e desidera evolversi, e passare ad un livello superiore aggiornandosi. Per avere più possibilità lavorative bisogna tener conto anche delle proprie competenze già acquisite, e non scegliere un corso qualsiasi solo perché si è in un periodo di crisi!

 

Quanto costa un corso professionale?

Ci sono due tipologie di corsi, quelli finanziati e quelli non finanziati. Alcuni corsi sono organizzati da soggetti privati e puntano ad un altissimo livello formativo, anche perchè prevedono tirocini aziendali. Proprio perchè sono privati, i costi possono essere elevati. Quelli gratuiti sono i corsi professionali finanziati, che alla fine prevedono anche un rimborso in piccola parte delle spese.
Prima di scegliere il mestiere che vogliamo imparare, dobbiamo quindi anche tenere a mente il costo dell’intero corso, e basarci su quanto possiamo spendere, ma allo stesso tempo non dobbiamo farci trarre in inganno dai corsi il cui costo è eccessivamente economico. Una buona regola è quella di controllare sempre l’affidabilità di chi organizza la formazione, assicurandosi che sia serio e attendibile, basandosi anche sulle recensioni in internet.

Corsi di formazione in azienda

L’obiettivo della formazione aziendale è contribuire allo sviluppo della preparazione professionale del lavoratore. Questa attività può essere articolata in molte componenti, anche diverse tra loro (team building, coaching, empowerment…). Non sempre la formazione aziendale è destinata a lavoratori già in forze all’azienda da tempo. In molti casi l’azienda investe su nuove persone puntando al loro inserimento e contemporaneamente alla loro formazione: è il caso dei tirocini formativi.
La formazione ha lo scopo di ampliare e approfondire le competenze richieste, e di promuovere la capacità di realizzare progetti all’interno delle organizzazioni.
Ogni attività formativa strutturata si pone l’obbiettivo di far apprendere specifiche competenze alle proprie risorse umane. In questo modo si avrà sempre personale altamente preparato e qualificato per svolgere il proprio ruolo all’interno dell’azienda.

Redazione

About Redazione

La redazione del sito è raggiungibile all'indirizzo INFO di questo sito (canaleformazione.com)

View all posts by Redazione →

2 Comments on “Corsi professionali: come scegliere quello giusto?”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *