Che cos’è il public speaking?

cos'è public speaking

Che cos’è il public speaking? Informazioni e consigli per parlare in pubblico

Chi di noi almeno una volta nella vita non si è trovato di fronte ad una platea a dover fare un discorso?

Essere di fronte a poche persone o a qualche centinaio non importa, la sensazione non cambia: paura di sbagliare, di annoiare, di non esprimersi a pieno o peggio ancora, di essere fraintesi. Battito cardiaco oltre i 100 bpm, cervello in pappa e ansia da prestazione: tutti gli sforzi per preparare quel discorso vanno in fumo in un istante di puro panico.

Ci sono persone che sono oratori nati, in grado di incantare centinaia di persone anche parlando del più banale dei temi ma ti rivelerò un segreto: non è un dono naturale, ma un’abilità e come tale può essere imparata e perfezionata.

Stiamo parlando del public speaking, una tematica spesso trattata da autori che si occupano di miglioramento personale. Come non citare il famosissimo Dale Carnegie con il suo “Come parlare in pubblico e convincere gli altri” ed i milioni di seminari tenuti, o i siti da migliaia di visualizzazioni mensili che trattano specificatamente e solo di questo argomento. Il fatto che questa tematica venga così ampiamente trattata da autori nostrani e non, è sintomatico dell’importanza che riveste il possedere questa abilità.

Il significato di public speaking

Letteralmente public speaking significa parlare in pubblico, ciò potrebbe farti erroneamente pensare che perfezionare questa abilità sia equivalente a perfezionare il discorso che dobbiamo tenere. In realtà puoi benissimo preparare un discorso perfetto ma esporlo in maniera mediocre. Ciò accade quando ci si focalizza esclusivamente sul discorso in se, ma non abbastanza sul pubblico alla quale è rivolto. Spiegando il funzionamento del sistema cardiovascolare vi rivolgereste nello stesso modo ad una platea di studenti di medicina e a quella che guarda un’intervista in tv? Ovviamente no! Lo spettatore televisivo medio non ha le conoscenze necessarie per comprendere termini e passaggi complicati, mentre lo studente di medicina si annoierebbe e non trarrebbe beneficio da un discorso troppo semplificato.

Tutto ciò mette in luce il fatto che il public speaking non è l’arte di parlare IN pubblico, ma l’arte di parlare AL pubblico. Questo concetto è importantissimo ed è bene rifletterci su.  Ci sono alcune regole che puoi seguire per aiutarti ad essere un migliore oratore

Preparati per parlare in pubblico

Sembra banale ma prepararsi in anticipo è fondamentale. Puoi essere il maggiore esperto mondiale in un dato campo ma se non prepari il tuo discorso o, per lo meno, non tracci una breve scaletta degli argomenti di cui parlare non avrai vita lunga. Chi è il tuo pubblico? Che tono dovrà avere la tua presentazione? Dove si terrà il tuo discorso? Avrai bisogno di file multimediali? C’è qualche battuta che potresti usare per coinvolgere il pubblico? La preparazione è tutto!

Rilassati e parla alla tua platea

Fai degli esercizi di rilassamento prima della tua presentazione: puoi fare dello yoga, una sessione di training autogeno o puoi ascoltare la tua musica preferita.

Presta attenzione al tuo atteggiamento

Entra in scena e dimostra sicurezza. Trasmetterai involontariamente tutte le tue emozioni al pubblico, per cui curare il linguaggio del corpo diventa fondamentale. Sorridi, scherza se l’argomento lo consente, mantieni una postura eretta ed aperta. Non solo la postura, anche il tuo atteggiamento deve essere aperto: un discorso per appassionare deve essere coinvolgente, quindi stimola il pubblico, fai delle domande, prendi spunto da ciò che ti viene detto e….

E per finire…improvvisa!

Sembra contrario rispetto a quanto ho detto fino ad adesso, ma per coinvolgere a pieno una persona devi farla sentire parte del discorso, quindi instaura una relazione, anche breve, partendo da una domanda preparata; la persona o la folla potrebbe risponderti in un modo inaspettato, quindi sii pronto all’evenienza, mantieni la calma e ricomincia.

Come tutte le abilità, non smetterai mai di scoprire nuovi trucchi e stratagemmi per migliorarla ma voglio lasciarti con un ultimo consiglio. Non aver paura di fallire: nessuno tocca la vetta senza aver fatto almeno uno scivolone!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *